Regione Veneto

Inquinamento Luminoso

Ultima modifica 20 dicembre 2016

L’inquinamento luminoso è l’irradiazione di luce artificiale -lampioni stradali, le torri faro, i globi, le insegne, ecc.- rivolta direttamente o indirettamente verso la volta celeste.

Gli effetti più eclatanti prodotti da tale fenomeno sono un aumento della brillanza del cielo notturno e una perdita di percezione dell'Universo attorno a noi, perché la luce artificiale più intensa di quella naturale "cancella" le stelle del cielo.

Il cielo stellato, al pari di tutte le altre bellezze della natura, è un patrimonio che deve essere tutelato nel nostro interesse e in quello dei nostri discendenti. Ridurre l’inquinamento luminoso non vuol dire "spegnere le luci", ma cercare di illuminare le nostre città in maniera più corretta senza danneggiare le persone e l’ambiente.

La Regione Veneto è stata la prima in Italia ad emanare una legge specifica in materia, la Legge Regionale 27 giugno 1997, n. 22 "Norme per la prevenzione dell'inquinamento luminoso", che prescriveva misure per la prevenzione dell'inquinamento luminoso sul territorio regionale, al fine di tutelare e migliorare l'ambiente in cui viviamo. 
Ora tale legge è superata dalla nuova Legge Regionale del Veneto N. 17 del 7 agosto 2009: “Nuove norme per il contenimento dell’inquinamento luminoso, il risparmio energetico nell’illuminazione per esterni e per la tutela dell’ambiente e dell’attività svolta dagli osservatori astronomici”.

La legge n. 17/2009 ha come finalità:

la riduzione dell'inquinamento luminoso e ottico in tutto il territorio regionale;

la riduzione dei consumi energetici da esso derivanti;

l'uniformità dei criteri di progettazione per il miglioramento della qualità luminosa degli impianti per la sicurezza della circolazione stradale;

la protezione dall'inquinamento luminoso dell'attività di ricerca scientifica e divulgativa svolta dagli osservatori astronomici;

la protezione dall'inquinamento luminoso dei beni paesistici;

la salvaguardia della visione del cielo stellato;

la diffusione al pubblico della tematica e la formazione di tecnici competenti in materia.

La legge ha come oggetto gli impianti di illuminazione pubblici e privati presenti in tutto il territorio regionale, sia in termini di adeguamento di impianti esistenti sia in termini di progettazione e realizzazione di nuovi.

Fonti: Regione Veneto e ARPAV.

 

Contatti e riferimenti

Arpa Veneto

Direzione Tecnica 

Servizio Osservatorio Agenti Fisici

Via A. Dominutti, 8
37135 Verona Italy
Tel. 045-8016907 Fax 045-8016777
e-mail Inquinamento luminoso: inquinamento.luminoso@arpa.veneto.it

pagina web: http://www.arpa.veneto.it/temi-ambientali/agenti-fisici/inquinamento-luminoso/contatti-inquinamento-luminoso

 

Dipartimento Regionale per l'Ambiente
Sezione Tutela Ambiente
Segreteria: 041 279 2143-2186-2426 - fax 041 279 2445 - email: ambiente@regione.veneto.it
Settore Tutela Atmosfera - tel. 041 279 2442 - email: atmosfera@regione.veneto.it