Regione Veneto

Impegnativa di Cura Domiciliare (ex assegno di cura)

Ultima modifica 10 febbraio 2017

Dove

Ufficio Servizi Sociali

(Assistenza Sociale)
Municipio

Piazza Marconi,16 
30032 – Fiesso D’Artico (VE)

Quando

Martedì dalle 10.00 alle 13.00

Giovedì su appuntamento dalle 15.00 alle 17.45

Contatti

 Francesca Cappellato

tel. 041.5137132

e-mail: assistentesociale.anziani@comune.fiessodartico.ve.it

Descrizione

La Regione del Veneto con la DGR 1338/2013 ha riprogrammato le prestazioni in materia di domiciliarità ai sensi della LR 30/2009, con l’istituzione dell’Impegnativa di cura domiciliare (ICD) in luogo dell’Assegno di cura per le persone non autosufficienti e degli interventi per l’aiuto personale e per la vita indipendente per le persone  con disabilità.
Il contributo serve ad acquisire prestazioni di supporto e di assistenza nella vita quotidiana, ad integrazione delle attività di assistenza domiciliare dell' Azienda ULSS n.3 SERENISSIMA distretto n. 3 Mirano-Dolo e dei Comuni.

In totale sono state previste 5 tipologie di ICD che possono essere richieste attraverso una procedura basata su graduatorie per gravità di bisogno assistenziale e situazione economica rilevata con l’ISEE.

Tipologie di impegnative di cure domiciliari

ICDb (ex assegno di cura “base”e “badanti”): per persone con basso bisogno assistenziale, verificato dalla rete dei servizi sociali e dal Medico di Medicina Generale.

ICDm (ex assegno di cura): per persone con medio bisogno assistenziale verificato dal Distretto Socio Sanitario, con presenza di demenze di tutti i tipi accompagnate da gravi disturbi comportamentali o con maggior bisogno assistenziale rilevabile dal profilo SVaMA.

 ICDa (novità): per persone con alto bisogno assistenziale verificato dal Distretto Socio Sanitario, con disabilità gravissime e in condizioni di dipendenza vitale che necessitano a domicilio di assistenza continua nelle 24 ore. Il contributo mensile è variabile in funzione del reddito e del progetto assistenziale.

(dal 2014)ICDp: per persone con grave disabilità psichica e intellettiva, già interventi di promozione dell’autonomia personale e di aiuto personale;

(dal 2014) ICDf: per persone con grave disabilità fisico-motoria, persone in età adulta con capacità di autodeterminazione e grave disabilità fisico –motoria (già progetti di vita indipendente).

 

Per informazioni dettagliate sulle tipologie di ICD , sui requisiti specifici necessari per la richiesta (ISEE) e sui contributi erogati, consultare la DGR n. 1338/13.

Per i punti 1, 2 rivolgersi al Comune di residenza, per i punti 3,4,5 rivolgersi dell' Azienda ULSS n.3 SERENISSIMA distretto n. 3 Mirano-Dolo .

Requisiti del richiedente

residenza nel Comune di Fiesso d’Artico della persona non autosufficiente; 

condizione di non autosufficienza sotto i profili sanitario e sociale che evidenzia la necessità di un particolare supporto di assistenza a domicilio in una o più attività della vita quotidiana; 

sufficiente adeguatezza del supporto erogato dalla famiglia, direttamente o indirettamente, e/o dalla rete sociale a copertura delle esigenze della persona (valutata periodicamente da operatori del servizio sociale); 

condizione economica della famiglia di cui fa parte la persona non autosufficiente;

ISEE in corso di validità.

Chi può chiedere l'impegnativa

  • la persona interessata o il suo legale rappresentante (tutore, curatore, amministratore di  sostegno ai sensi della Legge 6/2004);
  • un familiare anche non convivente della persona interessata;
  • una persona, preferibilmente convivente, di cui il servizio sociale accerti che provvede  effettivamente a garantire adeguata assistenza alla persona non autosufficiente.

Modalità di richiesta

Presentazione di domanda scritta all’Ufficio Protocollo del Comune, utilizzando apposito modulo predisposto dai Servizi Sociali o reperibile nel sito del Comune, dopo colloquio con l’Assistente Sociale (esclusivamente per i punti 1 e 2)

 

Documentazione da presentare

-          Domanda su apposito modulo

-          Scheda di valutazione SVaMA semplificata compilata dal Medico di medicina generale e dall’assistente sociale;

-          Attestazione ISEE  rilasciata dai CAAF

-          Altra documentazione da concordarsi con l’operatore di riferimento, successivamente alla presentazione della  domanda.

Iter

1.       Presentazione della domanda, dopo colloquio con l’Assistente Sociale

2.       Istruttoria da parte del Servizio Sociale Professionale

3.       Comunicazione all’utenza dell’esito della domanda

4.       Concessione del contributo in caso di esito positivo.

 

Tempi

Per le ICDb risposta all’istanza del cittadino entro 30 gg. dalla presentazione al protocollo e per le ICDm risposta all’istanza del cittadino entro 60 gg. dalla presentazione della stessa.

Normativa di riferimento

Deliberazione della Giunta regionale del Veneto n. 1338 del 30 luglio 2013 e successivi aggiornamenti

Modulo di richiesta per laccesso allImpegnativa di Cura Domiciliare persone non autosufficienti

Allegato 1.17 MB formato pdf
Scarica